Video bianco con SKype e i driver open ATi

Dall’installazione di Jaunty sul mio portatile sono oramai trascorse due settimane, ma solo da un paio di giorni a questa parte  sono riuscito a passare un po’ più di tempo davanti allo schermo.

Oggi, approfittando di una lunga e piacevole conversazione con Luca aka neon aka facciocose aka “sceglitiunnicketienitiquello” ho provato ad effettuare una chiamata video con Skype, purtroppo senza successo in quanto non riuscivo a visualizzare il video del mio simpatico quanto arguto interlocutore.

Tutto quello che ottenevo era una schermata bianca all’interno della finestra del programma, nonostante non ci fossero problemi dall’altra parte della linea.

Dopo svariati tentativi di risolvere il problema disattivando il disattivabile, riavviando il riavviabile e bestemmiando il bestemmiabile ho cercato qualche riscontro in rete.

La ricerca in realtà non è stata immediatamente proficua ma, spulciando tra le pieghe del forum per gli sviluppatori di Skype, l’ intervento di un utente è stato particolarmente illuminante.

Infatti la mia configurazione comprende una scheda ATi che utilizzo con i driver open source e potrebbe capitare che venga modificato un settaggio di Xv, il quale va poi a cozzare con la ricezione del video in Skype.

L’unico modo per ripristinare il corretto funzionamento della videochiamata è quello di andare a modificare tale valore.

Per fare ciò è sufficiente installare l’utility xvattr

sudo apt-get install xvattr

e poi nel terminale digitare il comando

xvattr -a XV_AUTOPAINT_COLORKEY -v 1

che ripristinerà il corretto funzionamento del video in ricezione, previo riavvio di Skype.

Così, alla fine, mi sono potuto godere l’installazione in diretta da parte di Luca aka neon aka facciocose aka “èmegliochenonloscrivo” di Arch nel suo meraviglioso splendore :P

P.s. Chi non muore si rivede, anzi si rilegge ;)

Reblog this post [with Zemanta]

Video della webcam verde con Skype per Linux su Ubuntu

Aggiornamento: guida ancora valida per Ubuntu 9.04, Jaunty Jackalope e Ubuntu 9.10 Karmic Koala.

Scenario

La mia compagna è partita per uno stage e per mantenerci in contatto utilizziamo entrambi Skype.

Purtroppo, sin dal primo tentativo di effettuare una videochiamata, la mia webcam mostrava una laconica schermata verde. Questo ovviamente faceva adirare non poco la mia ragazza impossibilitata dal vedermi, maledicendo ogni forma di Linux. Che poi, dico io, come si fa a non amarlo il pinguino anche se ti fa arrabbiare!

skype_video_verde

Bestemmie a parte, ho tentato di vederci chiaro e sono arrivato alla radice del problema trovando una soluzione che mi permettesse di non essere lasciato in tronco.

Inoltre sarebbe stato difficile spiegare agli amici di essere stato abbandonato a causa di un bug di Ubuntu, anche se con una storia del genere finirei sicuramente in homepage su Digg

Il bandolo della matassa

In realtà tutto è ricollegato al modo in cui è cambiata la gestione delle webcam con il kernel fornito in Ubuntu Intrepid, esattamente il 2.6.27.

Come spiega Hans de Goede sul suo blog, la maggior parte delle cam supportate dal nuovo driver gspca usano una compressione per i dati basata su una varietà di algoritmi proprietari, che nessuna applicazione nativamente sa come gestire. Il vecchio driver risolveva il problema operando una conversione di formato all’interno del kernel, ma questa caratteristica è stata rimossa nella nuova versione in quanto ritenuta una soluzione potenzialmente pericolosa e non elegante.

Lo stesso Hans dunque si è rimboccato le maniche partorendo libv4l che ristabilisce l’ordine naturale delle cose.

Come fare

Purtroppo il pacchetto distribuito sul sito ufficiale di skype non è stato patchato per usare tale libreria, per cui è necessario un workaround al fine di evitare che gli utilizzatori di Linux sparsi per tutto il mondo rimangano tristemente single.

Su Ubuntu Intrepid è necessario innanzitutto installare, se già non presente, libv4l o lib32v4l ( amd64) e assicurarsi di aver prima rimosso qualsiasi precedente versione.

Il repository di Stéphane Marguet contiene una versione fresca fresca di impacchettazione, per tutte le altre distribuzioni rivolgersi al proprio spacciatore di pacchetti di fiducia o compilare da sorgente.

Il consiglio è quello di aggiungere il repository, installare o aggiornare solo libv4l e poi commentare la riga corrispondente nel sources.list per evitare che vengano coinvolti altri pacchetti nell’aggiornamento. Non inserisco il link diretto perché il software è in continua evoluzione.

Adesso è necessario procurarsi skype dai repository Medibuntu, che stando a quanto recita il changelog integra l’hack necessario al corretto funzionamento della webcam

skype (2.0.0.72-0medibuntu4) intrepid; urgency=low

* Add a hack for libv4l (LP: #260918):
- debian/skype.wrapper.in, debian/rules: rename the orig skype binary and
add a wrapper to call it with LD_PRELOAD
- debian/control: depends on lib32v4l-0 [amd64], libv4l-0 [!amd64].

-- Lionel Le Folgoc <mrpouit@ubuntu.com> Fri, 17 Oct 2008 20:25:47 +0200

ed il gioco è fatto!

L’alternativa

Se non doveste aver successo, disinstallate questa versione e installate quella del sito ufficiale e provate a far partire il programma con la seguente sintassi

LD_PRELOAD=/usr/lib/libv4l/v4l1compat.so skype

verificando poi il funzionamento della webcam. Se tutto è andato a buon fine, allora possiamo creare un piccolo script che ci permetta di evitare di scrivere manualmente la stringa di cui sopra.

I comandi da lanciare in sequenza sono

cd /usr/bin

sudo mv skype skype.real

gksudo gedit skype

Si aprirà la finestra di Gedit, all’interno della quale dovremo incollare

#!/bin/sh

LD_PRELOAD=/usr/lib/libv4l/v4l1compat.so /usr/bin/skype.real "$@"

Salviamo e rendiamo eseguibile il tutto

sudo chmod +x skype

testiamo il tutto ancora una volta, stavolta usando il normale collegamento nel menu.

L’ho scampata bella

Adesso con la mia compagna va tutto liscio, niente più litigi e la qualità della vita è migliorata sensibilmente.

skype_funziona

Per caso qualcuno ha anche una patch per sistemare i grossi bachi presenti nel sistema chiamato donna?

Skype per GNU/Linux supporta la videochiamata ma con qualche riserva

E’ di oggi l’annuncio dell’uscita della versione 2.0 beta di Skype per GNU/Linux che aggiunge la tanto agognata videochiamata tra le sue feature

Prima videochiamata con skype Linux
La mia prima videochiamata, quello che vedete però non sono io ma il mio simpaticissimo interlocutore

Tra le note di rilascio però ci sono delle avvertenze all’uso con le schede ATi quando si montano i driver fglrx:

  • Using uvc webcam driver with new Logitech cameras can cause a split video effect which does not recover until you restart video.*

  • Using uvc webcam driver with ATi fglrx graphics card driver results in a memory leak and potential crash currently.*

  • gspca webcam driver can crash sometimes during webcam initialisation (which can also happen during the call).

  • Using a display driver with only a single Xv port means you can only see video in one direction currently.

  • Using a display driver with no Xv support will not work at all.

  • ATi fglrx driver versions before 8.42.3 may crash your X server and lock up video during the call.

  • ATi fglrx driver version 8.42.3 may crash your X server and lock up video at the beginning of the call.

*Già risolti nella versione successiva

Aggiungo che la rimozione della dipendenza dalla libreria libsigc++ permette l’utilizzo di skype anche sui sistemi a 64bit.

Per fortuna sulla mia configurazione non ho riscontrato crash pur avendo installati i driver ATi 8.40.4, tuttavia ho il problema di non riuscire a vedere contemporaneamente la mia webcam e il video dell’altra persona. L’inconveniente è dovuto però al fatto che utilizzo Compiz nella combinata con XGL, tant’è che appena disattivo quest’ultimo tutto funziona alla perfezione, rientrando dunque nella casistica sopra riportata.

Altro problema riscontrato riguarda il bottone per far partire il video: alcune volte c’è, altre non appare -.-‘ , quindi devo attivare di default la videochiamata ad ogni call verso i miei contatti

Preferenze Skype
La schermata di configurazione del video su Skype

Dunque per chi usa XGL e non riuscisse a vedere se stesso nemmeno nella finestra di configurazione di skype sa il perchè, anche se potrebbe dipendere da altri fattori come per esempio i driver video o della webcam configurati male o non completamente supportati.

Ecco dunque un altro buon motivo per aspettare con impazienza la nuova release dei driver ATi ( sperando magari in quelli open ), nella speranza che siano più stabili degli 8.42.3 per poter definitivamente dire addio a tutti i problemi con il comparto video nel proprio sistema.

Vi lascio con qualche link interessante

Scarica Skype 2.0 Beta

Forum di supporto

Skype 1.4 Beta per GNU/Linux, passi da gigante…

skype…rispetto alle alpha testing rilasciate in precedenza, versioni di cui peraltro avevo già parlato. Nome in codice per questa versione è The Great Cucumber, che tradotto sarebbe il grande cetriolo…so già a cosa state pensando! Questo appellativo, stando al post apparso sul blog ufficiale degli sviluppatori, è stato dato al programma in quanto nell’antica Roma le donne incinte indossavano una cintura di cetrioli per simboleggiare una imminente nascita, cintura che poi veniva dismessa una volta nato il bambino. Nel nostro caso il cetriolo è la nuova beta, data come contentino in attesa di una nuova Gold release, che poi sarebbe la nuova creatura; da notare che nel post per la prima volta viene nominata un’eventuale funzionalità video nella versione stabile.

Per la lista dei cambiamenti vi rimando al changelog ma degni di nota sono sicuramente

  • Audio praticamente perfetto, provato in un paio di chiamate ed indistinguibile da una versione Windows ( non saprei per quanto riguarda il Mac )
  • Reintroduzione delle icone animate ( tuttavia sono disabilitate di default ) e del tastierino numerico
  • Call forwarding, è possibile redirezionare le chiamate verso un numero ti telefonia tradizionale
  • Conference call
  • Aspetto pulito e piacevole

Alla pagina di download sono disponibili i pacchetti per tutte le principali distribuzioni, compresa Ubuntu Feisty Fawn.

Vi lascio con qualche screen

screenshot41.png screenshot51.png screenshot61.png screenshot7.png screenshot8.png schermata.png