Funny man pages

Però se vi radete così ricoveratevi.
Se vi rasate così è il momento di staccare la spina.

Se come me siete uno strafottutissimo nerd (cit.) allora sapete cosa vuol dire stare ore davanti al computer intenti a smanettare la propria installazione di GNU/Linux.

Ci sono però dei momenti in cui si ha bisogno di svagare un po’, e cosa c’è di meglio che leggere una bella pagina man per distrarsi? Mmm…dove sta il divertimento? Beh, esistono pagine man decisamente particolari, l’importante è essere consapevoli di non farvi affidamento ;)

Un esempio?

NAME
baby – create new process from two parents

SYNOPSIS
baby -sex [m|f] [-name name]

DESCRIPTION
baby is initiated when one parent process polls another server process
through a socket connection in the BSD version or through pipes in the
System V implementation. baby runs at low priority for approximately
forty weeks and then terminates with a heavy system load. Most systems
require constant monitoring when baby reaches its final stages of exe_
cution.

[…]

Su Ubuntu e Debian basta installare due pacchetti

sudo apt-get install funny-manpages asr-manpages

Per visualizzarle tutte bisogna munirsi della lista completa delle pagine visualizzabili con i relativi comandi.

Adesso, prima di lasciare un commento, andatevi a leggere

man 1fun flame

e poi tornate a commentare ;)

Immagine | Via

Doom in Flash sul proprio browser

Un'immagine del gioco in azione all'interno della finestra di firefox
Un'immagine del gioco in azione all'interno della finestra di Firefox

Se come me siete amanti del retrogaming apprezzerete di certo la notizia che il sempreverde Doom è stato interamente convertito in Flash.

Questa non è la solita imitazione del gioco, bensì una vera e propria conversione del codice originale riadattata per il plugin di Adobe, richiesto rigorosamente alla versione 10.

Certo, esistono sempre gli emulatori, ma l’immediatezza di aprire una finestra del browser e giocare anche fuori casa non ha paragoni. E comunque a prescindere da una presunta utilità è un lavoro davvero apprezzabile tecnicamente.

Su Linux la velocità è più che accettabile, tuttavia consiglio di giocare in modalità popup per una migliore resa.

Adesso vado un po’ a rivivere qualche emozione di quando ero ancora un gamer in fasce, però vi lascio con un imbarazzante video di Bill Gates che delira pubblicizzando Windows 95 quale piattaforma ideale per giocare, mostrando proprio se stesso dentro una sessione di Doom.

Via

Ubuntu Free Culture Showcase per Jaunty Jackalope

Anche se il titolo del post assomiglia ad uno scioglilingua, Ubuntu Free Culture Showcase è l’iniziativa lanciata per l’uscita della prossima versione di Ubuntu, una occasione da non perdere per i creativi di tutto il mondo.

Grazie a questo contest, già proposto anche per il rilascio di Intrepid Ibex, tutti i sostenitori del software libero potranno sottoporre le proprie creazioni al team di Ubuntu.

Il video vincitore della scorsa edizione

Finalmente ho trovato una scusa più o meno credibile per inserire una bella ragazza in un post!

I lavori ritenuti meritevoli ad insindacabile giudizio del team predisposto alla valutazione, verranno poi votati dal Community Council che deciderà i vincitori. Le opere scelte saranno incluse nella nuova distribuzione, precisamente nella cartella Examples presente nella home di una installazione standard, e saranno a disposizione delle milioni di persone che installeranno la nuova distribuzione.

Certamente una vetrina di tutto rispetto!

Le categorie sono tre:

  • Audio, per un massimo di 1 MB in formato Ogg Vorbis
  • Video, per un massimo di 2.5 MB in formato Ogg Theora
  • Foto/Grafica per un massimo di 0.5 MB in formato PNG o JPG

Inoltre tutte le opere dovranno essere rilasciate sotto licenza Creative Commons.

La data di scadenza è fissata per il 6 febbraio 2009.

Italiani diamoci da fare, la nostra creatività è rinomata in tutto il globo, cerchiamo di non sfigurare!

Un consiglio spassionato? Le Linux Chicks tirano sempre ;)

Migliorare la barra di avvio di Ubuntu

La classica barra arancione che vediamo durante l’avvio standard di Ubuntu ha decisamente un andamento ballerino, a volte si muove velocemente, a volte a piccoli passi, a volte invece rimane addirittura ferma.

Questo tipo di comportamento non dà la percezione dell’effettiva durata del caricamento. Per avere un’idea di come dovrebbe comportarsi, pensate a quando effettuiamo la copia di un file o guardiamo spostarsi la barra del tempo trascorso di un filmato.

Ubuntu Usplash Smooth permette di ovviare a questo inconveniente regalandoci una barra che si muove con fluidità, essendo basata sui tempi di avvio delle precedenti sessioni. Dato che in realtà questi non cambiano di molto, ecco che possiamo godere di un boot più gradevole e più accurato.

La differenza tra i due video proposti è evidente.

Installazione

Installare Usplash Smooth è davvero elementare.

E’ sufficiente aggiungere il repository

deb http://ppa.launchpad.net/usplash-smooth/ubuntu intrepid main

ed installare il pacchetto tramite il link apturl

Installa usplash-smooth

oppure con il solito e più tradizionale comando

sudo apt-get install usplash-smooth

Dopo un paio di avvii, la barra si adatterà ai tempi di caricamento del proprio computer.

Tuttavia, non a tutti potrebbe piacere il cambiamento apportato da usplash-smooth, basterà dunque disinstallarlo per tornare alla situazione di partenza.

Tab Mix Plus e Ubufox non vanno d’accordo su Intrepid Ibex

Ieri ho finalmente trovato un po’ di tempo per installare Intrepid Ibex.

Chi mi conosce sa che non effettuo mai l’aggiornamento diretto da una versione all’altra, ma preferisco creare un backup dei file necessari ed installare da zero la nuova distribuzione per evitare confitti tra pacchetti,  soprattutto perché la mia è una Ubuntu fortemente rimaneggiata da innumerevoli esperimenti.

Nel lavoro di ricopiatura dei dati, ripristinando le estensioni di Firefox sulla nuova 8.10, mi sono accorto che qualcosa non andava.

La toolbar smemorata

Infatti i bottoni della barra di navigazione si comportavano in modo strano, non memorizzavano le modifiche effettuate alla barra stessa ed anche i pulsanti necessari per l’accesso ad altre estensioni erano scomparsi.

Per me, il fastidio più grande per me era dato dall’impossibilità di aggiungere il classico bottone Nuova Scheda e i pulsanti dedicati ad altri addon, che al riavvio del browser puntualmente venivano eliminati.

Two cans of Tab.
Tab Mix Plus non è il nome di una bevanda energetica

Incompatibili

Disattivando una ad una le estensioni fino ad allora installate, ho infine scoperto la causa del malfunzionamento.

In effetti su Intrepid esiste una cronica incompatibilità tra Tab Mix Plus e Ubufox che causa il problema sopra descritto ( in Hardy ciò non accadeva ), escludendo di fatto l’uso contemporaneo dei due addon ed imponendo all’utente la scelta tra i due.

Quale scelgo?

Per chi non ne fosse a conoscenza, Tab Mix Plus è una popolare estensione che permette una gestione avanzata dei tab ed integra il salvataggio intelligente delle ultime sessioni di navigazione; il pacchetto ubufox, che nel pannello dei componenti aggiuntivi di Firefox prende il nome di Firefox Ubuntu Modifications, consente invece di installare plugin e alcune estensioni tramite apt, semplificandone la ricerca e l’installazione.

Io ho deciso di mantenere Tab Mix plus e disattivare l’altra estensione, me la caverò anche senza che Ubuntu mi imbocchi pure l’installazione dei plugin di Firefox, in attesa che l’inconveniente venga risolto.

Crediti immagine: Wikipedia