L’evoluzione del telefonino

Incredibile con che mattoni si andava in giro, vero?

Il mio primo cellulare, a parte quelli dei miei genitori che lo ebbero molto prima di me, fu un Ericsson T10, quello con lo sportellino che si staccava sempre e con lo schermo ad una sola riga ( correggetemi se sbaglio sul nome del modello ). Era incredibilmente scarno, ma a quei tempi andava di moda insieme al Nokia 5110.

Ad essere sincero non sono un patito di telefonini, ne possiedo due in versione base che fanno praticamente solo telefonate. In realtà a volte non funzionano nemmeno quelle e Soleluna ne sa qualcosa :D Non dico che odio i cellulari, ma li vedo quasi come un’imposizione, alla fine credo che dipenda molto dall’uso che se ne fa.

Certo che se mi dovessero mai regalare un iPhone non ci sputo mica sopra :P

Qual’è stato invece il vostro primo telefono?

Via

I migliori programmi per scaricare e convertire i video da internet con Linux

Girovagando per la rete capita spesso di imbattersi in un video che ci è piaciuto particolarmente e lo si vorrebbe scaricare per salvarlo sul computer o trasferirlo su un’altra periferica ( telefonino, iPod, lettore da tavolo,etc… ).

Ecco dunque una rassegna dei 5 programmi per Linux che ritengo i migliori per effettuare questa operazione

Leggi tutto “I migliori programmi per scaricare e convertire i video da internet con Linux”

Uomo contro macchina

Quale studente di Economia aziendale mi piace guardare gli spot, soprattuto quelli stranieri, e cercare di analizzarne i contenuti ed i motivi che hanno portato alla scelta di determinate combinazioni di messaggi. Spesso la pubblicità si trasforma in viral video, magari anche senza una pianificazione in tal senso, ed impazza sulla rete.

Sicuramente ricorderete tutti la pubblicità della Citroen C4 con l’auto che si trasforma in robot stile Transformers. Ecco, la Chevrolet ha voluto giocare su questo tema, partorendo uno spot divertente ed efficace. Carino, vero?

Per adesso vi risparmio le noiose analisi sul caso, magari un giorno comincerò a scrivere su questo argomento, chissà…

Via

Libero software in libera mente

GuruAtWork ha registrato uno spot sulla libera informazione

Maggiori dettagli sono disponibili sulla pagina dell’iniziativa.

Cos’è GuruAtWork:

G@W è un’associazione culturale che nasce con i seguenti fini e scopi:

  1. la lotta con ogni mezzo contro l’analfabetismo informatico, telematico e tecnologico diffuso nella società;

  2. la promozione dell’utilizzo del Software Libero e la promozione della cultura open source in ogni settore della vita sociale, nonché lo scambio delle conoscenze nell’ambito di informatica, telematica, del diritto, di arte e cultura;

  3. la conoscenza dell’informatica e della telematica nel settore dell’ICT (Information and Communication Technology);

  4. lo scambio di conoscenze riguardanti la programmazione, lo sviluppo di software, la realizzazione di progetti informatici.

Installare transizioni 3D per le presentazioni Openoffice su Ubuntu

Ne parlai già qualche mese fa della possibilità di poter utilizzare alcuni effetti grafici tridimensionali nelle presentazioni con Openoffice, caratteristica esclusiva della versione per GNU/Linux. Adesso, con l’uscita di Ubuntu Hardy Heron, ci ritroviamo Openoffice 2.4 installato in maniera predefinita e possiamo concretamente usare gli effetti 3D come transizioni delle nostre diapositive.

Il pacchetto che ci interessa è presente nei repository di Ubuntu e basta cliccare sul link openoffice.org-ogltrans per iniziare automaticamente l’installazione, oppure da terminale con il solito

sudo apt-get install openoffice.org-ogltrans

Potrete cominciare a sperimentare su come rendere più frizzanti i vostri lavori, ma attenzione a non esagerare, non vorrete mica distrarre lo spettatore dal contenuto ;)

Al chiaro di luna

Nei prossimi giorni verranno sicuramente spesi fiumi di parole sull’uscita di Moonlight 1.0, l’implementazione Mono di Microsoft Silverlight scritta per la piattaforma GNU/Linux, recentemente resa disponibile come plugin per Firefox.

Ancora in uno stato che almeno dalle prime impressioni definirei embrionale, Moonlight supporta le specifiche Silverlight 1.0 ( una lista per provarne qualcuna ) e nella versione precompilata manca di alcune funzioni, come per esempio la riproduzione di video, implementabili però compilando da sorgenti. Ho provato e cestinato l’estensione dopo pochi minuti per due motivi:

  1. Non ho alcuna ragione di tener installato un software che non mi serve
  2. Non è completamente compatibile con l’ultima versione di Firefox, problema parzialmente aggirabile con un script per Greasemonkey

Nessun preconcetto, ma è lampante che in giro non ci siano molte applicazioni atte a funzionare con Silverlight/Moonlight e, finchè non vi sarà una reale esigenza, non mi sogno neanche di installare un’altro plugin che mina l’instabilità del programma che uso in assoluto più di tutti, ovvero il browser web. Ci pensa benissimo da solo il Flash player a darmi parecchi grattacapi.

Mi sembra quasi di poter già leggere le polemiche che andranno sempre più montando sulle pagine dei blog, in special modo quelle dei Linux addicted più convinti, e che probabilmente non aggiungeranno nulla di interessante alla conversazione…e potevo esimermi dal parteciparvi? :D Prese di posizione a parte, spero solo che in questo marasma di discordanti opinioni possa nascere qualche coinvolgente spunto di discussione. E voi come la pensate?

Dunque, almeno per adesso, l’unico chiaro di luna ad illuminare il mio computer sarà rappresentato dalla note di un genio

Brr…fa molto Resident Evil, nevvero? :D

Firefox 3 impalla il sistema

Fino a qualche tempo fa, durante la navigazione con Firefox 3 beta 5 su Ubuntu Hardy Heron, capitava che il browser desse segni di instabilità, di lentezza e nel contempo il disco rigido cominciasse a macinare ad elevata frequenza. Spesso sono addirittura incappato nell blocco completo del sistema per parecchi secondi.

Ma perché ciò si viene a verificare?

Le cause principali sembrano essere due:

  1. La libreria di compatibilità del sistema Pulseaudio che permette il funzionamento dell’audio con il plugin Flash, che comunque già di suo provoca rallentamenti non indifferenti.
  2. Un bug nella gestione di alcuni file da parte del browser

Per risolvere il primo in generale è sufficiente disinstallare il pacchetto libflashsupport e seguire alcuni consigli che ho dato in un precedente post per sentire ugualmente i suoni. Più radicalmente si potrebbe smettere di usare il plugin proprietario ed adottare la versione libera risparmiando tanti crash, ma non sempre ciò è possibile.

Per il secondo la questione è un po’ più complessa.

In effetti uno dei componenti alla base di Firefox effettuava troppi accessi ad un file di database dove vengono conservate alcune informazioni sulle url malevole, accessi quest’ultimi causati da una crescita troppo elevata del suddetto file che superava la cache disponibile per l’operazione rallentando dunque il processo e facendo schizzare la CPU su valori elevati.

Il problema sembra però essere stato risolto e basterà tenere aggiornato il sistema per ottenere automaticamente i pacchetti contenenti le correzioni del caso. Tuttavia c’è ancora qualcuno che lamenta gli stessi sintomi, seppur in maniera ridotta rispetto alla situazione precedente, pur avendo eseguito correttamente l’aggiornamento.

Per coloro i quali non avessero riscontrato miglioramenti esiste un’alternativa, che tuttavia potrebbe inficiare la sicurezza della navigazione.

Leggi tutto “Firefox 3 impalla il sistema”

Windows XP Service Pack 3: Accesso negato

Anche in casa Serverless ci sono macchine sulle quali gira Windows. E’ un periodo di grande fermento per il sistema operativo Microsoft, principalmente per l’uscita dei due grandi service pack, tant’è che ho deciso di aggiornare anche i computer degli altri componenti della famiglia, uno con Windows Vista ed uno con XP.

Il service pacco

L’aggiornamento di Vista è andato a buon fine, ma i tanto decantati miglioramenti non sono riuscito a coglierli e mio padre ha cominciato ad aggirarsi per casa urlando di voler indietro i soldi ed optare per il downgrade. Gli ho ricordato i problemi di ipertensione e si è calmato un pochino.

Più grave se possibile la situazione sul pc con Windows XP sul quale l’installazione del service pack 3 non è stata portata a termine ritornando un laconico errore di “Accesso Negato” e ripristinando il computer ad una condizione pre SP3. Pessimismo e fastidio. E ringraziamo il cielo che non possiedo un pc con processore AMD, altrimenti stavo ancora lì a guardare il pc riavviarsi.

Si lo so, sono un caso sfortunato, uno su un milione, ma mi chiedo quando finirà tutta ‘sta sfiga.

Ma torniamo a noi e vediamo come aggirare il problema di cui sopra ed installare l’aggiornamento.

Leggi tutto “Windows XP Service Pack 3: Accesso negato”

Audio su Ubuntu Hardy Heron

Sono ormai passati parecchi giorni dall’uscita di Hardy Heron, ho scelto di non parlarne subito perché ho preferito testare a fondo la distribuzione prima di condividere le mie impressioni sull’installazione e sull’utilizzo.

Ho installato Ubuntu 8.04 praticamente lo stesso giorno dell’uscita, avendo cura di creare un backup dei dati da Gutsy ed effettuando una installazione pulita. Il perché ripartire da zero è semplice: a mio parere il sistema di aggiornamento di Ubuntu non è in grado di portare a compimento in maniera corretta la mole di cambiamenti strutturali che comporta l’avanzamento di versione, in special modo quando si vanno a toccare componenti importanti del sistema.

Hardy è infatti ricca di succulente novità ed aggiornare da Gutsy mi avrebbe costretto a porre rimedio alle magagne che si sarebbero venute a creare, cosa che si è puntualmente verificata ad ogni passaggio di versione che in passato ho tentato di portare a termine. Sfiga? Sarà, comunque preferisco spendere il mio tempo in maniera più produttiva.

Quell’airone un po’ rauco

Tra le migliorie apportate c’è il nuovo gestore dell’audio, Pulseaudio, che sarebbe dovuto essere una vera rivoluzione nella gestione delle sorgenti sonore. Uso il condizionale perché purtroppo sembra non essere così. Pulseaudio in Ubuntu 8.04 è implementato solo in parte, non è ben integrato nel sistema e tra i pacchetti preinstallati mancano le applicazioni per il suo controllo, vanificando in parte l’utilità di avere un server sonoro così avanzato.

Inoltre sembra creare parecchi problemi quando si tenta di utilizzare stream da diverse fonti contemporaneamente, sonoro disturbato e ho avuto modo di vedere che non tutte le applicazioni sono completamente compatibili, in particolare il plugin Flash per Firefox che comunque è una ciofeca già di suo.

Vediamo allora come venirne a capo o quantomeno di trovare un compromesso accettabile.

Leggi tutto “Audio su Ubuntu Hardy Heron”