Driver ATi 8.42.3 per Linux: delusione

Finalmente ieri, con l’aggiornamento dell’utility Envy del nostrano Alberto Milone, ho potuto provare i driver ATi di recente uscita che integrano il tanto anticipato e decantato supporto ad AiGlX, indispensabile per far girare Compiz senza la necessità di installare il server grafico XGL.

Purtroppo la mia esperienza non può definirsi positiva, i risultati sono stati veramente deludenti.

L’installazione del driver, grazie ad Envy, è rapida ed indolore, tuttavia la configurazione di Xorg richiede l’intervento dell’utente per modificare alcuni parametri, procedura che con Ubuntu Gutsy sembrava essere superata.

Scavalcato questo piccolo scoglio, che per qualcuno potrebbe rappresentare un notevole ostacolo, sono riuscito ad utilizzare AiGlX e a far partire Compiz in tutto il suo splendore. Inizialmente sembrava tutto fluido e l’avvio del sistema più veloce, soprattutto nella fase tra il login ed il caricamento del desktop, purtroppo però le magagne sono venute a galla al momento di utilizzare uno qualunque degli effetti 3D.

Le prestazioni con questi driver lato composite manager sono scadenti, cosa che non accade con le altre applicazioni 3D; purtroppo le basse prestazioni impediscono l’utilizzo del sistema e ci sono pesanti limitazioni sulla visione dei video, anche se parte della colpa credo sia da imputare a Compiz.

Ho preferito dunque, non senza difficoltà, reinstallare la versione precedente dei driver previa disinstallazione di quelli più recenti, sempre tramite Envy. Il processo non è proprio così intuitivo e ci si potrebbe trovare al riavvio con una schermata nera, soprattutto se non si ha a disposizione la versione precedente che permette di installare i driver senza supporto AiGlX che funzionano ancora molto bene con XGL.

Dopo aver percorso al contrario le modifiche effettuate ai file di configurazione, per chi ne avesse necessità ripropongo il link per scaricare Envy in versione “sicura”, in quanto non più presente sul sito di Alberto

Scarica Envy per i driver senza supporto AiGlX

Il mio consiglio è dunque di non aggiornare ancora ed aspettare che AMD si metta al lavoro per migliorare i propri driver, nell’attesa che proceda lo sviluppo della versione Open Source degli stessi.

Trinacriacamp: considerazioni

E così il TrinacriaCamp è volato via.

Per quanto mi riguarda è stata un’esperienza bellissima, sia dal punto di vista di organizzatore sia da quello di semplice spettatore. Qualche intoppo c’è stato, com’è normale che sia, ma si impara sempre dai propri errori e le critiche, se costruttive, sono sempre ben accette.

Qui sotto propongo un piccolo video per ricordare insieme la giornata, slideshow che aggiornerò man mano che si aggiungeranno foto al gruppo su flickr…

Un altro video realizzato da Megaron, a cui vanno i miei complimenti!

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO, AVETE RESO SPECIALE IL VOSTRO\NOSTRO BARCAMP!

Un abbraccio speciale ai miei compagni di avventura:

Gianni Amato – www.gianniamato.it
Roberto Chibbaro aka Beltipo – www.unimagazine.it
Davide Baglieri aka Davidonzo – www.davidonzo.com
Luca Marra aka Neon – www.facciocose.it
Danilo Treffiletti aka Urban – http://www.urbands.net/stormedbrains
Simone Tornabene aka Mushin – www.mushin.it

Lavorare insieme a loro per la realizzazione del barcamp è stato veramente un piacere.

Devo anche togliermi il cappello di fronte allo stoicismo della mia ragazza che è rimasta fino all’ultimo e che ha dato una mano d’aiuto nei momenti di crisi, e a Saro e Pietro che da veri amici, pur non fregandogliene niente, hanno partecipato attivamente al barcamp!

Ridimensionare le finestre rallenta Ubuntu, risolviamo la questione.

Non so a quanti sia capitato il mio stesso problema, ma dovo aver effettuato l’upgrade da Feisty a Gutsy, qualche piccola magagna è venuta a galla.

Sto ancora cercando di capire come ripristinare la completa funzionalità della trasmissione dei file tramite bluetooth, che con la 7.04 andava alla perfezione mentre dopo l’aggiornamento funziona solo in un senso ( PC a dispositivo mobile ), tuttavia avevo un problema ancora più frustrante, per fortuna superato: nella configurazione di default, ogni volta che andavo a ridimensionare una finestra, il sistema rallentava immediatamente fino a diventare inusabile.

Questo, per quanto mi riguarda, avveniva con la seguente configurazione:

  • Sistema aggiornato da Ubuntu Feisty Fawn a Gutsy Gibbon
  • Scheda video Ati Radeon X600 mobility
  • Desktop Environment GNOME
  • XGL + Compiz Fusion abilitati

Inoltre, prima di eseguire l’upgrade, avevo disinstallato i pacchetti riguardanti compiz ottenuti grazie allo script di treviño, e quindi appartenenti alla cosiddetta versione GIT.; al momento, dunque, utilizzo la versione presente nei repository ufficiali di Ubuntu.

La soluzione è più semplice di quanto si possa pensare, infatti basta installare ( se non lo avete già ) il pacchetto che contiene il configuratore avanzato di Compiz

sudo apt-get install compizconfig-settings-manager

Rechiamoci adesso nel nuovo pannello di configurazione dell’aspetto della nostra distribuzione

Sistema -> Preferenze -> Aspetto

e nella finestra che appare clicchiamo sulla linguetta Effetti visivi. In questa sezione dovrebbe dunque essere presente un bottone Preferenze, come da immagine

Schermata dell’aspetto di Ubuntu

che una volta pigiato aprirà il nostro configuratore.

Scorrendo fino alla fine la barra laterale, l’ultima voce presente è proprio Ridimensiona finestra. Cliccando sulla voce corrispondente accediamo alla configurazione di questo plugin; sarà dunque necessario modificare una sola voce, Default Resize Mode, scegliendo dal menu a tendina il valore denominato Normale.

Compiz Config settings manager

Chiudiamo tutte le finestre ed abbiamo finito.

Finalmente niente più rallentamenti da paranoia che mi costringevano a riavviare!

Piove, senti come piove…

Catania è letteralmente in tilt: strade trasformate in letti di fiumi, negozi allagati, detriti sparsi ogni dove, disagi alla viabilità e chi più ne ha più ne metta.

L’emergenza metereologica si è abbattuta anche dentro l’aula magna di Palazzo Fortuna, dove oggi ho fatto lezione alle 8 del mattino (sigh!), ma grazie ai potenti mezzi messi a disposizione della facoltà è stato possibile arginare il peggio.

Non è la prima volta che accade e parlando con una delle addette delle pulizie l’aula era stata riparata da poco, ma nonostante questo le infiltrazioni sono tornate.

Che dire, la prossima volta mi munirò di ombrello, ma mi hanno detto che porta sfiga aprirlo in un ambiente chiuso :D

P.s. Grazie a Pietro per le foto.

Disabilitare XGL in Ubuntu Gutsy

Ieri ho aggiornato la mia ubuntu, passando da feisty a gutsy. La transizione non è stata completamente indolore, ma a parte una schermata nera iniziale (tipica delle ATi), il resto è andato tutto liscio.

Una delle novità presenti in questa nuova versione è la comodità di inizializzare XGL senza il bisogno di fare quei complicati passaggi spiegati in una moltitudine di guide, ma semplicemente eseguendo il normale login. Dunque chi ha fatto l’upgrade da Feisty ed aveva XGL installato e chi lo installerà su un sistema pulito non dovrà più selezionare una nuova sessione all’avvio e probabilmente si ritroverà compiz funzionante sin da subito.

Il rovescio della medaglia si presenta quando abbiamo la necessità di NON usare XGL, nel mio caso per abilitare il tv out della scheda video che, per quanto abbia provato, è utilizzabile esclusivamente tramite il centro di controllo ATi fornito con i driver proprietari; quest’ultimo parte solamente se XGL non è avviato, altrimenti genera un errore.

Errore all’avvio del Catalyst Control Center
Clicca per ingrandire: Errore del Centro di controllo ATi

Spulciando in rete non ho trovato molto sull’argomento, ma mi ha colpito all’improvviso una illuminazione! Alla fine dell’aggiornamento Gutsy mi aveva presentato alcune finestre che avevo letto distrattamente, una delle quali riguardava alcune novità di XGL; infatti una volta fatta una rapida ricerca all’interno del sistema ho ritrovato il file contenente il messaggio che mi interessava.

Nella pratica è necessario eseguire una semplice operazione:

bisogna creare nella cartella nascosta .config (per visualizzare le cartelle nascoste basta premere CTRL+H in una finestra di Nautilus) una nuova cartella dal nome xserver-xgl e all’interno di quest’ultima creare un file vuoto che chiameremo disable

Fatto ciò sarà sufficiente terminare la sessione e rieffettuare il login normalmente per poter utilizzare Xorg invece di XGL.

Ovviamente per far partire nuovamente XGL bisognerà semplicemente cancellare il file che avevamo precedentemente creato.

In carreggiata!

Finalmente gli esami sono finiti e le lezioni alla facoltà di Economia sono ricominciate con i soliti disagi dovuti alla grande partecipazione studentesca. Ancora non riesco a capire come ogni anno chi di dovere non riesca a prevedere l’afflusso degli studenti e gestire meglio l’assegnazione delle aule, già oggi è stata rimandata una lezione per l’eccessiva confusione.

La sessione di esami comunque è andata bene, diciamo che poteva andare meglio, ma in fondo ho raccolto quello che ho seminato.

Adesso posso riprendere la mia normale attività di blogger (quanti feed arretrati!) con un pizzico in meno di tempo a causa della disposizione un po’ fantasiosa degli orari delle materie che dovrò seguire.

Mi faccio un in bocca al lupo per il nuovo anno e a tutti quelli che ricominciano un nuovo estenuante quanto divertente anno accademico.